Design per siti di informazione

Pubblicato da Davide, Aggiornato martedì 9 gennaio 2007 2 Commenti »

Questo articolo e' stato scritto piu' di 6 mesi fa.. In teoria non cambia nulla, sed panta rei: se trovi link o informazioni datate segnalalo pure. :)

Noto con piacere da Pandemia che oggi è stato lanciato il nuovo sito di Time Magazine. Voglio spendere qualche minuto per mettere a confronto il design di questa novità, con quello dei più noti quotidiani italiani.
time magazineL’impressione che si ha, aprendo la nuova home page del time, è quella di un design elegante e raffinato, che contiene tutto il necessario senza esagerare. C’è un sapiente uso degli spazi bianchi e alcuni effetti javascript permettono la navigazione delle notizie in appositi riquadri. L’incolonnamento è disordinato, non ci sono le classiche tre colonne monolitiche alle quali siamo abituati. Gli articoli sono disposti su più righe e la dimensione dei riquadri ne suggerisce l’importanza. Una sorta di “prima pagina” in versione web. Ordine e leggibilità, in un design paradossalmente disordinato. Potete vederla nello screenshot a lato, che ho lasciato volutamente piccolo per dare l’idea dell’impaginazione nel suo complesso.

Questo modello di impaginazione è senza dubbio il più appropriato per siti di informazione, in fondo è la trasposizione sul web di ciò che siamo abituati a vedere sulla carta. Se compriamo un quotidiano siamo orientati nella lettura in base alle dimensione di titoli e riquadri, perchè non dovrebbe essere uguale sul web?

I maggiori siti di informazione italiani, come Correrie e Repubblica, adottano invece il classico modello a tre colonne, per altro stracolmo di titoletti e scrittine che viaggiano di qua e di là generate da diversi javascript. Le spaziature sono minimali, il risultato finale è un bombardamento visivo difficile da navigare e consultare. Si distingue da questi due invece il sito de “La Stampa“, ben curato graficamente: sulla sinistra i titoli degli articoli occupano più spazio ma hanno poche immagini, sulla destra piccoli richiami che puntano tutto sulle immagini bilanciano la resa.
In italia spiccano invece i siti di due giornali fortemente politicizzati come “L’Unità” e “Il Giornale“, che presentano un design leggibile e in definitiva ben costruito. Non entro invece nel dettaglio di altre testate che alla cura del sito web proprio non hanno dedicato nulla (vedi il Foglio, il Manifesto..).
Un ultima nota per “Il Messaggero“, il sito non è dei più belli, ma è pregevole l’idea di offrire la navigazione in base alla prima pagina del quotidiano in edicola, peccato solo che andrebbe curata un po’ di più sia graficamente che dal punto di vista dell’usabilità.

Pubblico ora nella stessa immagine tutte le home page che ho descritto sopra, in miniatura, per avere un’idea d’insieme delle differenze di impaginazione, e della relativa leggebilità. Da sinistra a destra e dall’alto al basso: Time, Repubblica, Corriere, La Stampa, L’Unità, Il Giornale, Il Messaggero.

design giornaliClicca sulla foto per aprirla.

Sperando che il nuovo sito del Time possa fare da riferimento anche per i quotidiani italiani, mi piacerebbe capire se anche per altri utenti questo tipo di impaginazione è funzionale ai contenuti oppure no. Io credo proprio di si, ma potrei sbagliare..

2 Commenti »

Puoi lasciare un tuo commento, oppure fare un trackback dal tuo sito.

Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia il tuo commento

 

http://livregratis.fr/ - http://club-ebook.fr/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi