Installare Apache-php-MySQL su Windows Vista o Windows 7

Pubblicato da Davide, Aggiornato lunedì 5 settembre 2011 65 Commenti »

Questo articolo e' stato scritto piu' di 6 mesi fa.. In teoria non cambia nulla, sed panta rei: se trovi link o informazioni datate segnalalo pure. :)

Mi sono aggiornato a Windows Vista, e ora pure a Windows 7. Anche se forse “aggiornato” non è la parola più azzeccata, visti problemi e problemini che ho riscontrato dopo 3 giorni di installazioni. Niente di irrecuperabile, a parte il fastidioso problema di connessione wireless su rete protetta wpa2, di cui magari parlerò in seguito.

Riporto qualce appunto per installare senza problemi la piattaforma Apache+MySQL+php, così da avere in locale un server dove testare e sviluppare le proprie applicazioni (come wordpress o joomla).

Installazione Apache Server 2.2.6

Installare Apache è stato piuttosto semplice. Ecco i passi da seguire:

  1. Scaricare l’installer (MSI) per Windows dal sito di Apache HTTP Server
  2. Disattivare il controllo UAC: Su Vista: start -> pannello di controllo -> Account Utente e protezione per la famiglia -> Account Utente -> Attiva o disattiva controllo account utente [tra parentesi questa cosa vi libererà delle fastidiosissime finestrelle "consenti" che appaiono dopo ogni clic]Su Windows 7:  start -> pannello di controllo -> Account Utente -> Account Utente -> Modifica le impostazioni di controllo dell’account utente -> Impostare su Nessuna Notifica
  3. Lanciare l’installer appena scaricato e seguire le istruzioni, come Network Domain e Server Name possiamo mettere “localhost” (se l’installazione avviene in locale) e come porta scegliere 80.
  4. Ora è possibile configurare Apache Server, aprendo il file “C:\Program Files\Apache Software Foundation\Apache2.2\conf\httpd.conf” con un editor di testo.La cosa principale da fare è indicare la cartella dove vengono salvate le nostre pagine web per poi renderle accessibili via browser grazie al server. La cartella di default è /htdocs/, si trova all’interno di quella dove abbiamo installato Apache.Se vogliamo cambiarla è sufficiente trovare il paramentro “DocumentRoot” e modificarlo come segue:#
    # DocumentRoot: The directory out of which you will serve your
    # documents. By default, all requests are taken from this directory, but
    # symbolic links and aliases may be used to point to other locations.
    #
    DocumentRoot "C:/www"

    C:/www/ in questo caso è la cartella dove andremo a posizionarele pagine web e tutti i file annessi.

  5. Lo stesso percorso va riportato sotto, in questo modo:#
    # This should be changed to whatever you set DocumentRoot to.
    #
    <Directory "C:/www">
  6. Salvare e riavviare il server.
  7. Se dovessero presentari problemi in fase di avvio del server, per prima cosa controllare l’application log di windows; se dovessero mancare delle dll può tornare utile questa pagina: http://windows.php.net/download/
    Un’altra operazione da fare è settare anche questi due ulteriori parametri sul file di configurazione come da testo sotto:
    # ServerName gives the name and port that the server uses to identify itself.
    # This can often be determined automatically, but we recommend you specify
    # it explicitly to prevent problems during startup.
    #
    # If your host doesn't have a registered DNS name, enter its IP address here.
    #
    ServerName localhost:80

    # Listen: Allows you to bind Apache to specific IP addresses and/or
    # ports, instead of the default. See also the <VirtualHost>
    # directive.
    #
    # Change this to Listen on specific IP addresses as shown below to
    # prevent Apache from glomming onto all bound IP addresses.
    #
    Listen 127.0.0.1:80

Il problema all’avvio dell’icona Apache Monitor nella systray con Windows Vista – risoluzione

Una volta installato il server è sufficiente digitare l’indirizzo “http://localhost/” nella barra degli indirizzi del browser per capire se tutto funziona. Su Windows XP però eravamo abituati all’iconcina con la piuma dalla quale era possibile avviare o stoppare il server apache.

Con Vista questa icona non c’è più, inoltre un fastidioso problema all’avvio ci accoglie perchè Apache Monitor non riesce a caricarsi correttamente. Per risolvere l’inconveniente basta andare nella cartella di installazione di Apache Server, entrare nella cartella /bin/ e cliccare col tasto destro sul file ApacheMonitor.exe, da qui clic su Proprietà. In alto selezionare la tab “Compatibilità” e spuntare l’opzione “Esegui il programma in modalità compatibile per Windows XP (Service Pack 2)”. Vedi figure sottostanti.

Apache monitor

Apache proprieta

Installazione MySQL 5.0

MySQL è un server per database relazionali open source, ormai affermato e robusto, soprattutto in ambito web. Per l’installazione è necessario:

  1. Scaricare dal sito ufficiale l’installer per windows.
  2. Lanciare l’installer e seguire le istruzioni a video, scegliendo l’installazione Typical.
  3. Alla fine dell’installazione scegliere di configurare il server.
  4. Scegliamo l’opzione “Detailed Configuration
  5. mysql-configurazione1

  6. Impostare la tipologia come “Developer Machine” (il server sarà infatti utilizzato principalmente per i nostri test in locale)
  7. mysql-configurazione

  8. Al passaggio successivo selezionare “Multifunctional Database
  9. mysql-configurazione

  10. Lasciare invariato al punto successivo e proseguire, a meno che non si voglia specificare una directory particolare per InnoDB
  11. Come numero approssimativo di connessioni al server possiamo specificare 20. Più che sufficienti se lo utilizziamo come server di test.
  12. mysql-configurazione

  13. Al passaggio successivo selezionare entrambe le opzioni, è poi possibile specificare la porta di connessione al database: generalmente la 3306
  14. mysql-configurazione

  15. Come impostazioni dei caratteri scegliere “Best support for Multilingualism
  16. mysql-configurazione

  17. Se vogliamo cheMySQL si avvii in automatico all’accensione di windows selezionare “Install as Windows Service” e “Launch the MySQL server automatically“.
  18. mysql-configurazione

  19. Indicare la password per l’utente amministratore (root) ed eventualmente creare un utente anonimo (anche se sarebbe meglio evitare, è poco sicuro)
  20. mysql-configurazione

  21. Per l’amministrazione del Database installare MySQL Workbench. Si tratta di utili strumenti per la gestione “visiva” del server, degli utenti, dei permessi e dei database. Comprende inoltre il Query Browser per lanciare le query SQL.

Installazione php 5 sul server Apache

Con l’installazione di php e delle estensioni per la connessione al database avremo completato l’opera. In questo caso è meglio eseguire una installazione manuale. Come riportato nella Guida php su Windows di HTML.it:

Questa installazione, consigliata dal manuale ufficiale Php, ha il vantaggio di non richiedere lo spostamento di file nelle directory di sistema (Windows, System32 e altre): infatti modificando la sola variabile di sistema PATH e mantenenedo i file in c:\php, tutto rimane più ordinato e l’aggiornamento diventa molto più semplice.

Ecco i passi da seguire:

  1. Scaricare il pacchetto zip dal sito ufficiale
  2. Estrarre i files nella cartella C:/php/ (il nome breve è più comodo)
  3. Aprire Pannello di Controllo -> Sistema e Sicurezza (Sistema e Manutenzione su Vista) -> Sistema. Nella barra di sinistra cliccare su “Proprietà di Sistema avanzate” (Vista) o su “Impostazioni avanzate di sistema” (Windows 7), poi sul tasto “Variabili d’ambiente..“.Installazione phpDalla tendina sotto (variabili di sistema) selezionare “Path” e cliccare su “Modifica”. In fondo al testo già presente aggiungere la stringa “;C:\php” (con il punto e virgola, senza gli apici).Installazione php

    In questo modo abbiamo indicato al sistema dove si trova l’interprete php.

  4. Riavviare windows
  5. Ora è necessario integrare l’interprete php nel server Apache. Per farlo bisogna aprire il file di configurazione di Apache: “C:\Program Files\Apache Software Foundation\Apache2.2\conf\httpd.conf”C’è una lunga lista di “LoadModule” (molti di questi sono commentati) alla fine della quale bisogna aggiungere queste righe:# Start Php integrationLoadModule php5_module "C:/php/php5apache2_2.dll"

    AddType application/x-httpd-php .php

    PhpIniDir "C:/php"

    # End Php integration

  6. Infine modifichiamo il parametro DirectoryIndex come segue:#
    # DirectoryIndex: sets the file that Apache will serve if a directory
    # is requested.
    #
    <IfModule dir_module>
    DirectoryIndex index.html index.php
    </IfModule>

  7. Ora andiamo nella directory di php e rinominiamo il file “php.ini-development” in “php.ini“.Si tratta del file di configurazione dell’interprete php. Apriamolo con un editor di testo.
  8. Cambiamo il parametro “extension_dir” come segue:; Directory in which the loadable extensions (modules) reside. extension_dir = "C:/php/ext"
  9. Settare il parametro “display_errors” su On per poter vedere gli errori generati dagli script che svilupperemo
  10. Infine decommentare (togliendo il punto e virgola davanti) il parametro “session.save_path” e moficarlo come segue:session.save_path = "C:/php/sessionfiles"

    sessionfiles è una cartella da creare, dove verranno salvati i file relativi alle sessioni di php.

  11. Ora dovremo attivare i connettori php-MySQL (maggiori info nella pagina dei download dal sito ufficiale di MySQL). Si tratta di file dll che permettono la connessione da parte di php al database: mysqli e mysql
  12. Assicurarsi che siano presenti i file php_mysql.dll e php_mysqli.dll nella cartella /ext/ di php (dove ci sono le estensioni)
  13. Ora nel file php.ini aperto in precedenza decommentare (togliendo il ; ad inizio riga) le estensioni di mysql come segue:extension=php_mysql.dll
    extension=php_mysqli.dll

  14. Altra estensione utile è quella per la gestione delle immagini, che conviene decommentare:extension=php_gd2.dll
  15. A questo punto salvare tutto, riavviare il server Apache e tutto dovrebbe funzionare.

Per essere sicuri possiamo creare un file “index.php” con all’interno il semplice codice

<?php phpinfo() ; ?>

Aprire il browser e digitare l’indirizzo: “http://localhost/index.php” Se tutto è stato eseguito correttamente dovremmo vedere una pagina che riporta diverse informazioni sulla versione di php installata.

Si noti che questo semplice test non ci dà informazioni sulla corretta installazione delle estensioni per la connessione al database, che dovremo testare in un secondo momento, magari provando l’installazione in locale di un cms come wordpress.

Anche su Windows Vista e Windows 7 gira, buon lavoro. :)

65 Commenti »

Puoi lasciare un tuo commento, oppure fare un trackback dal tuo sito.

Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia il tuo commento

 

http://livregratis.fr/ - http://club-ebook.fr/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi