Footer 2.0: non solo titoli di coda

Pubblicato da Davide, Aggiornato martedì 20 febbraio 2007 9 Commenti »

Questo articolo e' stato scritto piu' di 6 mesi fa.. In teoria non cambia nulla, sed panta rei: se trovi link o informazioni datate segnalalo pure. :)

Quale dovrebbe essere il ruolo del footer nel layout di un sito web? Per intenderci, il footer è quella striscia di informazioni che chiude ogni pagina, generalmente viene separata dal contenuto con una semplice linea e a volte un colore diverso. E’ il “piè di pagina”. Qualche esempio classico? Il footer delle pagine di Google o quello di Virgilio, che chiudono la pagina coi classici titoli di coda: copyright, crediti, riassunto delle sezioni principali del sito.

Sempre più spesso però navigando tra i siti di ultima concezione capita di trovare dei footer dilatati, sono a tutti gli effetti una sezione a parte della pagina. Stanno diventando un elemento più importante della testata. Un esempio? Basta scorrere questa pagina per vederlo. Quando ho pensato al layout di diploD ho concepito subito il footer. Non si tratta di una moda, anche se in realtà può sembrare tale, ma di un nuovo modo di organizzare contenuti e navigazione. Togliamo dalla pagina principale tutti quegli accessori di navigazione (archivi, contenuti alternativi, scorciatoie, immagini varie..) e poniamo in evidenza i contenuti principali (in questo caso l’articolo che state leggendo). L’utente tende a farsi distrarre dal testo posto in parallelo a quello principale, meglio quindi delegare la navigazione a un menù generale e riportare nel footer ogni sorta di elemento di supporto. I più assidi lettori avranno notato che proprio ieri il footer di diploD è leggermente cambiato; ho messo infatti un grande bracciale che divide la pagina, al centro il medaglione col feed. Credo che sia molto più visibile un link al feed messo in questa posizione piuttosto che in una sidebar laterale, spesso ignorata dall’utente impegnato nella lettura del post. Magari qualcuno arriva alla fine dell’articolo, ritiene di aver letto un buon intervento e decide di tenere sott’occhio il feed, eccolo pronto e in bella vista.

In questi giorni è uscita su Dr.Web (un web magazine tedesco) una raccolta di siti con footer eleganti e particolarmente curati, con accativanti elementi di design. Ho dato un’occhiata a diversi di questi siti e ad altri che generalmente frequento; è interessante notare come il ruolo del footer stia mutando: dal vecchio prototipo col riferimento alla partita IVA verso nuovi concetti di sezione dedicata alla navigazione o a più svariati scopi.

Voglio elencarne alcuni che ritengo particolarmente significativi, perchè possano essere fonte di ispirazione così come materia di studio, per capire se davvero il footer possa svolgere una funzione di “supporto” e non solo di “chiusura”. E’ interessante notare come tutti gli esempi che andrò a presentare sono particolarmente curati graficamente, proprio perchè vogliono attirare l’attenzione dell’utente verso una sezione che è generalmente trascurata.
Partiamo dall’esempio più classico, nella sua innovatività. Ormai siamo abituati a vederli spesso, sono i footer con le sezioni About e la Site-Map. Un esempio è questo Footnote.

footnote

Altro esempio piuttosto classico nei blog è il footer con il Blogroll e il widget di Flickr, come questo UtomBox, il cui footer contiene anche l’elenco degli ultimi post inseriti, o come Hopking-Design, che ha messo a fondo pagina il modulo per l’iscrizione alla newsletter.

utomboxHopking design

Credo che sia una buona soluzione, per pubblicare alcune cosette indispensabili di un blog in una posizione che non distrae il lettore dai contenuti dei post.
Altra soluzione, molto più azzardata, è quella di 5ThirtyOne che ha deciso di mettere nel footer addirittura i commenti. Non la condivido, perchè tende a staccare i commenti dall’articolo mentre io preferisco un lettore partecipativo. Di certo questo metodo pone in risalto il contenuto del post. Sempre su 5ThirtyOne troviamo nel footer anche un box per la ricerca all’interno del sito. Anche in questo caso non sono convinto al cento per cento: siamo abituati a trovare il box della ricerca generalmente in alto, ma le abitudini possono cambiare.

5ThirthyOne

Un altro spunto interessante è quello di Method Art o di Gruppo Modulo, che mettono nel footer alcuni consigli di lettura e di navigazione, il secondo elenca anche i premi e i riconoscimenti ricevuti.

Method Art

Gruppo Modulo

Veniamo ora ad esempi ben più elaborati. Il primo da menzionare è il footer eccezionale di Nuwen, una vera e propria pagina nella pagina. Non vale la pena mettere l’immagine, il consiglio è quello di visitarlo per capire: tutto ciò che non riguarda il contenuto principale è nel footer, che raccoglie al proprio interno diversi elementi di design.
Altra bella idea è quella su JsBlog. A fondo pagina c’è la scritta “Looking for something?”, cliccandoci sopra si apre un footer col modulo per la ricerca, le categorie del blog e una tagcloud.

JsBlog

Particolari sono poì le soluzioni di Design Shack e dell’Università di Miami, che incentrano l’esperienza dell’utente sul footer. Per il college di Miami si può intendere il footer come configurazione del layout, mentre su DesighShack viene utilizzato il footer per l’accesso alla consultazione del sito.

Design Shack

In tutti questi siti vengono riposti nel footer alcuni elementi che prima si era soliti mettere sulle sidebar o in sezioni dedicate, a mio modo di vedere la strada è giusta, e delegare al footer il ruolo di tutor per la navigazione mi sembra una buona idea, no? Anche se dipende sempre da cosa dobbiamo progettare.

9 Commenti »

Puoi lasciare un tuo commento, oppure fare un trackback dal tuo sito.

Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia il tuo commento

 

http://livregratis.fr/ - http://club-ebook.fr/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi