ERP e gestionali web-based: alcune considerazioni..

Pubblicato da Davide, Aggiornato martedì 11 dicembre 2007 17 Commenti »

Questo articolo e' stato scritto piu' di 6 mesi fa.. In teoria non cambia nulla, sed panta rei: se trovi link o informazioni datate segnalalo pure. :)

Produzione Casuale

ERP sta per Enterprise Resource Planning. Nella pratica significa un applicativo software gestionale per le imprese, che permette di monitorare tutto il processo produttivo, dalla catena dei fornitori alla pianificazione della produzione e della manodopera, dalla logistica alla fatturazione e gestione ordini.
Detto terra a terra: una roba del genere, quando è fatta bene, ti costa un sacco di soldi. Al giorno d’oggi il gestionale più diffuso (forse anche il più venduto, ma non ci giurerei) è SAP. Quando in azienda ti dicono che c’è SAP, sai che gli impiegati/e sono stressati/e. A parte gli scherzi, il mio primo impatto col sistema è stato crudo.
Non l’ho mai provato “in produzione”, nel senso che io l’ho visto solo a livello accademico, in un esame col nome che dice tutto e niente: “Metodi Avanzati di Produzione”. L’ho provato in laboratorio per qualche giorno e ho notato che la struttura è piuttosto pesante, con una interfaccia utente non troppo user-friendly. Sotto comunque gira una macchina davvero potente, che ti permette di monitorare gli ordini di acquisto, le vendite, lo stato delle materie prime, lo stato della produzione, le ore di lavoro e tutto ciò che è necessario monitorare in una azienda (non è una frase di circostanza).

L’ERP è uno strumento di gestione ma anche di analisi, utile pure come supporto decisionale. Tra i vari moduli che un software di questo tipo può contenere vi sono:

Quando ho visto che esisteva un ERP open source web based ho sgranato un po’ gli occhi e mi son fiondato a vederlo un più nel dettaglio. Così, per curiosità. Si chiama Openbravo, ne esistono anche altri, ma questo sembra avere una marcia in più dal punto di vista dell’usabilità.

Openbravo screenshot

Avevo visto sistemi di project management web based (come dotProject) ma un ERP ancora no.. Uno dei limiti di questi sistemi è appunto l’usabilità. Sia a livello di interfaccia utente (dotProject ad esempio ha molti limiti in questo senso), sia dal punto di vista dell’infrastruttura (per funzionare c’è bisogno di server potenti in grado di reggere il traffico).
Fatto sta che questo OpenBravo sembra avere le carte in regola. Sarei davvero curioso di sapere i dati sulla diffusione del software e conoscere i feedback di chi lo utilizza.

La demo e diversi video esplicativi per farsi un’idea dell’applicativo si possono trovare qui. La prima impressione è quella che ci si trova di fronte a un clone di SAP fruibile via browser. La navigazione può sembrare macchinosa a prima vista, ma dopo qualche minuto risulta piuttosto gradevole. Le funzioni per la creazione di report in pdf o per l’esportazione di dati in excel sono sicuramente un ingrediente fondamentale per questo tipo di strumento. Ovviamente un sistema come Openbravo può essere adatto ad aziende di medio-piccole dimensioni; può essere un modo per abbattere gli alti costi che tipicamente un ERP richiede. Certo si tratta di essere pionieri in questo senso, e servirebbe una buona dose di coraggio. Se qualcosa va storto, non si tratta della semplice suite Office per redigere un grafico, ma del motore che spinge tutta la produzione.
Generalmente comunque l’installazione di un software ERP avviene per moduli, in modo da poter testare passo passo le esigenze e le difficoltà dei singoli casi.

Il software Openbravo è sviluppato da una casa spagnola e ancora non c’è una versione in italiano, nemmeno partner italiani che lavorano sul progetto (stando alla mappa dei partners proposta sul sito ufficiale).

C’è un piccolissimo dettaglio, che vale la pena sottolineare. Parlo di Openbravo perchè l’idea è nata da due studenti che frequentavano l’Università di Navarra e tutte le volte che ci son di mezzo due studenti la faccenda assume un tono epico. Poi leggi bene la storia e scopri questo:

In January 2006, Openbravo reached a € 5M ($ 6,4M) series A financing agreement with SODENA – a Government of Navarra (where Openbravo has its headquarters) instrument for business development. The proceeds – the largest ever for an open source ERP company – are being used to fuel the software development and international growth of the company.

Ovvero:
Nel Gennaio 2006, Openbravo ha ottenuto un finanziamento da 5 milioni di euro da SODENA – uno strumento del Governo di Navarra per promuovere il business locale. I proventi – i più grossi mai offerti per una compagnia open source che sviluppa ERP – sono stati utilizzati per alimentare lo sviluppo del software e la crescita internazionale della compagnia.

Per la cronaca, Navarra è una comunità autonoma e una provincia della Spagna che non arriva neppure a 600 mila abitanti. Poi pensi ai 35.000 euro offerti dalla tua provincia per il concorso sulle giovani idee e ti vien male.

17 Commenti »

Puoi lasciare un tuo commento, oppure fare un trackback dal tuo sito.

Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia il tuo commento

 

http://livregratis.fr/ - http://club-ebook.fr/

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi